Exit

Il Nuart Festival 2018 ha voluto sottolineare il suo lato attivista e sempre attento ai problemi sociali del nostro tempo.
L’edizione di quest’anno ha incluso una collaborazione con Amnesty International, presentando un progetto a sostegno delle donne che difendono i diritti umani nel Regno Unito. Per questa parte del progetto il team ha unito le forze con Carrie Reichardt che tra le altre cose si è attivata per realizzare un elaborato mosaico in ceramica che celebra i difensori dei diritti umani della Scozia e il movimento delle Suffragette. L’artista ha anche creato “We are Witches” e “Trailblazing Women of Aberdeen“, prendendo in prestito l’estetica delle vetrate tradizionali. Ha anche contribuito a creare un monumento pubblico agli eroi locali dimenticati che è stato interamente progettato, tagliato e installato dai volontari locali sotto la guida della Reichardt.

Mad In England” è lo slogan artistico di Carrie Reichardt il primo nome annunciato dal festival.
Carrie ha conseguito una laurea in Belle Arti presso l’Università di Leeds e nella sua carriera ha intrapreso strade tra i diversi media, tra cui film, performance e scultura. Ma è come ceramista e mosaicista, che ha ottenuto maggiori riscontri, ed ora lavora a livello internazionale nella realizzazione d’importanti murales.

Era il 2002 quando un gruppo internazionale di artisti di street art e di musica elettronica organizzò il primo Nuart Festival nella capitale petrolifera norvegese, Stavanger. L’idea era quella di creare un evento secondario per il loro programma musicale al fine di presentare alcuni degli artisti più interessanti del movimento underground street art. Mantenendo il loro concetto semplice ma originale, il festival ha presentato una piattaforma annuale per artisti nazionali e internazionali che operavano al di fuori dello stabilimento artistico tradizionale, stimolando una conversazione che avrebbe messo in discussione le nozioni di ciò che è l’arte e cosa può diventare .

Non passò molto tempo prima che la parte visiva del progetto continuasse da sola e si trasformasse in quella che oggi è considerata la principale celebrazione mondiale della street art tra i suoi pari. È stato intorno al 15 ° anno del festival, quando il fondatore e regista Martyn Reed e il suo team sono stati contattati dalla città di Aberdeen, in Scozia, con l’idea di sviluppare un progetto simile nella loro città. Dopo anni di rigetto di offerte simili, il team ha sentito una forte connessione e somiglianze tra le due città dipendenti dall’industria petrolifera e nel 2017 la prima edizione di Nuart Aberdeen (precedentemente) è stata presentata al pubblico.

La 2a edizione di questo festival si è tenuta solo poche settimane fa, e ancora una volta ha portato la città sotto i riflettori della scena internazionale di arte urbana e di strada. Nuart Aberdeen ha invitato artisti affermati che hanno iniziato la loro carriera a Nuart in Stavanger, come Bordalo II e Ernest Zacharevic, che hanno contribuito a introdurre una vasta gamma e la vivacità dell’arte di strada contemporanea al giovane festival. Lavorando con temi e soggetti locali, ma all’interno dei loro linguaggi e mezzi visivi individuali.

 

Seguici e condividi su Facebook:
Close
Go top
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial